Cinema e discoteche apriranno tra poco, il 15 di giugno si avvicina sempre di più e gli amanti dei film così come anche gli appassionati di musica e ballo, potranno festeggiare.

Il tutto ovviamente nel rispetto delle regole, che non sono poche, per scongiurare una seconda ondata. La curva del virus al momento è discendente ed incoraggia, ma l’Istituto superiore di sanità consiglia di mantenere la calma ed andare con i piedi di piombo.

Cinema e discoteche, limiti di ingresso e divieto di consumazione

Cinema e discoteche quindi ritorneranno a far parte della vita di ciascuno di noi. Mentre i bambini potranno festeggiare in modo diverso, oltre che andando al cinema, potranno ricominciare a frequentare i centri estivi.

Per quanto riguarda l’apertura di teatri e cinema ci sarà un massimo degli spettatori. Al chiuso, in base alla grandezza dei locali, potranno entrare massimo 200 persone, mentre all’aperto il numero stabilito è di mille. In pubblico, per evitare assembramenti bisognerà mantenere la distanza, mentre la mascherina sarà d’obbligo ancora per molto.

Regole penalizzanti ma la gente resiste ed attende l’estate

Molti locali si sono già lamentati del fatto che le regole prestabilite sono eccessive e penalizzanti. Molto probabilmente le persone eviteranno anche di uscire pur di non dover indossare la mascherina e quant’altro.

Le stesse regole valgono anche per gli artisti e coloro che lavorano negli spettacoli, dietro le quinte, che dovranno rispettare il distanziamento interpersonale di un metro, prima di entrare e misurare la temperatura corporea ed utilizzare le mascherine.

Inoltre gli ambienti chiusi dovranno essere igienizzati una volta o due volte al giorno, soprattutto quando ci sono più eventi nella stessa giornata, ogni qualvolta il pubblico cambia. E’ vietato il consumo di cibo e di bevande, mentre per acquistare biglietti bisognerà utilizzare i siti online oppure rivolgersi alla biglietteria pagando con il bancomat ed evitando l’utilizzo dei contanti.

Si balla a due metri di distanza tranne in Liguria ed in Sicilia

Per quanto riguarda infine le discoteche si potrà ritornare a ballare dal 15 giugno. La capienza sarà della metà rispetto a prima, mentre per quanto riguarda il ballo si potrà ballare a 2 metri di distanza.

I locali che non potranno permettersi di rispettare queste regole, per esempio quelli della Sicilia e della Liguria, vedranno la riapertura delle discoteche come locale da ascolto. Non si potrà ballare anche in presenza di dj alla consolle. Per finire è vietata anche la vendita di drink e di bevande.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui